MG MSA-0011 S-Gundam

MG
MSA-0011 S-GUNDAM


 
Produttore: Bandai
Linea: Master Grade
Scala: 1/100
Numero: 55
Mecha: MSA-0011 S-Gundam
Data di uscita: Ottobre 2002
Prezzo: 6000 ¥
JAN code: 4543112-13932-0
 
Nome sulla scatola: MSA-0011 S-GUNDAM
E.F.S.F. PROTOTYPE TRANSFORMABLE MOBILE SUIT
Illustratore scatola: sconosciuto
Dimensioni scatola: 390 x 310 x 120mm
Designer del kit: Hajime Katoki
 
Materiale: polistirene (PS), poliestere, acrilobutil-stirene (ABS)
Tecnologia: Iro-pra (plastica colorata ad iniezione)
con agganci a pressione (“snap-fit”)
e inner frame
Numero di runner: 19
Numero di pezzi: 501
Dimensioni modello: altezza 255mm
 
Kit di conversione: • MSA-0011 S Gundam detail parts [Core-Works; 2002-08; nd]
• MSA-0011 S Gundam head parts [G-System; 2002-99; 170 $]
• Smartgun (per MSA-0011 series) [G-System; 2002-99; nd]
• Smartgun + Head (per MSA-0011[Ext]
) [G-System; 2006-99; 50 $]
• MSA-0011 S Gundam [G-System; 2008-07; 225 $]
• MSA-0011[Bst]
S Gundam Booster Unit Type [G-System; 2008-08; 225 $]
• MSA-0011 S Gundam [G-System; 2008-10; 221 $]

 

Note:

Le uscite Master Grade del 2002 sono pressoché equamente divise tra mobile suit “minori” di 0083 e Gundam comparsi in Sentinel, L’ MSA-0011, il Gundam titolare della serie, è un MS capace di separarsi in due aerei più un core fighter indipendente. Il modellino riproduce fedelmente questa possibilità permettendo la trasformazione dei componenti in G-Attacker, G-Core e G-Bomber. Ognuna delle cabine di pilotaggio dei tre caccia ha un portello apribile per rivelare il cockpit completo di pilota seduto; inoltre quelle del G-Attacker e del G-Bomber si possono separare, come capsule di emergenza ed agganciarsi al G-Core.
Il kit, pur essendo trasformabile, possiede un parziale innere frame: questo implica che alcune parti della corazza siano rimovibili e nascondano una sorta di scheletro ricco di dettagli realistici come tubi, snodi e altro.
Le beam saber sono ospitate dentro le lunghe propaggini delle ginocchia, mentre i due grossi cilindri bianchi che sporgono dalla schiena, troppo grossi per essere impugnabili, fungono da cannoni. La “rotella” rossa al centro della fronte è estraibile, dal momento che rappresenta l’arma filoguidata chiamata incom. Le immagini ufficiali non chiariscono se ci sia, come dovrebbe essere, un cavetto che mantiene la connessione tra l’incom stesso e la testa. Il beam smartgun, infine, è il lungo fucile (oltre 20 cm) che ritroviamo sia come punta del G-Bomber che come arma principale del mobile suit. Può essere ancorato ad un supporto ospitato lungo il fianco sinistro, per la posizione verticale o di riposo, oppure imbracciato normalmente o con l’ausilio di un connettore snodato (la grossa “fondina” che sporge dal fianco destro).

 

 

Di questo gunpla esistono anche le seguenti versioni limitate:
[nessuna]

 

PHOTOGALLERY:  

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi